Imposta Regionale sulla Benzina per Autotrazione - IRBA

L'art. 7 della L.R. n. 45 del 28 dicembre 2012, ha disposto l'abrogazione dal 1° gennaio 2013 dell'Imposta Regionale sulla Benzina per Autotrazione fissata in euro 0,0258 per litro di benzina erogato.

L'imposta colpisce l'erogazione delle benzine destinate al consumo per autotrazione fornite dagli impianti di distribuzione ubicati nel territorio della Regione Puglia. Il provvedimento, pertanto, determinerà una riduzione del prezzo della benzina alla pompa. Infatti, vista la natura di accisa dell'imposta in parola, il consumatore usufruirà di un vantaggio fiscale pari all'imposta regionale e alla quota di IVA gravante su di essa (per un totale di euro 0,031 circa al litro).
I soggetti passivi del tributo:

  • non dovranno più versare le rate di acconto a partire dal mese di gennaio 2013;
  • dovranno presentare la dichiarazione annuale e le operazioni di conguaglio relative al periodo gennaio-dicembre 2012 alla scadenza già prevista del 31 gennaio 2013.

Lo schema-tipo, modello di dichiarazione annuale quadro A e quadro B per l'imposta regionale sulla benzina per autotrazione, con le relative istruzioni, sono di seguito reperibili.

Atto n. 50 del 01/12/2011 con istruzioni relative alla dichiarazione IRBA (formato pdf)

Quadro A (formato excel)

Quadro B (formato excel)

Istruzioni dichiarazione IRBA


Determina n. 13 del 11/03/2011

RIMBORSI

Qualora il soggetto passivo vanti un credito, potrà inoltrare, entro due anni dalla data di presentazione della dichiarazione, istanza di rimborso indirizzandola ai seguenti indirizzi:

Regione Puglia – Sezione Finanze – Servizio Tributi derivati e compartecipati - Via Gentile, 52 – 70126 BARI

anche a mezzo PEC al seguente indirizzo:

serviziofinanze.tributiderivati@pec.rupar.puglia.it 

Ufficio dell'Agenzia delle Dogane della provincia di competenza;

e, p. c. all'ufficio dell'Agenzia delle Entrate che ha ricevuto la dichiarazione dei redditi dell'esercizio di competenza.

Ai sensi dell'art. 29 comma 4 della L. n. 428/1990, l'istanza di rimborso, quando la relativa spesa ha concorso a formare il reddito d'impresa, deve essere trasmessa anche all'Ufficio dell'Agenzia delle Entrate che ha ricevuto la dichiarazione dei redditi dell'esercizio di competenza. L'obbligo di comunicazione all'ufficio dell'Agenzia delle Entrate deve essere adempiuto dal contribuente contestualmente alla presentazione dell'istanza di rimborso alla Regione, a pena di inammissibilità della medesima istanza.